ASUS GTX 560

 

L’ASUS GTX 560 Ti DirectCU II che ci apprestiamo a testare, è una versione migliorata rispetto alla  versione  base pur mantenendo un prezzo in linea con lo standard di schede GTX 560 Ti.

Assemblata con un sistema di raffreddamento diretto attraverso heat-pipe, doppia ventola dal design ricercato, progettato per ridurre il rumore, ottimizzare il raffreddamento ed evitare l’accumulo di polvere, ha un scheda madre personalizzata da Asus sia in termine di componenti che di layout. Analogamente alle altre schede video DirectCU II, ASUS ha dotato la GTX 560 di componenti efficienti e di qualità, resistenti al calore ed al carico energetico, che consentono prestazioni più stabili, soprattutto in fase di overclocking.

RE5DX10 560 result

Questa scheda segue il trend di alcuni produttori, di mettere sul mercato delle schede già overclockate di fabbrica, così da offrire un prodotto più “spinto” rispetto alla versione stock del prodotto, offrendo non solo frequenze più alte, ma anche strumenti di tweak dei loro prodotti con interfaccia, chiara e semplice, così da rendere l’overclock alla portata anche del neofita.

E’ il caso della ASUS GeForce GTX 560Ti DirectCU II che viene fornita con una frequenza maggiorata a 830MHz, e utilizzando l’utility di tweak della GPU fornita da Asus, permette di regolare tensione e frequenza di clock della nostra scheda direttamente all’interno del Sistema Operativo.

Specifiche Tecniche:

Engine Grafico: NVIDIA GeForce GTX 560 Ti

Bus standard: PCI Express 2.0

Memoria Video: 1GB GDDR5

Clock del Engine: 830 MHz

CUDA core: 384

Clock delle memorie: 4000 MHz (1000 MHz GDDR5)

RAMDAC: 400 MHz

Interfaccia memoria: 256-bit

Risoluzione: D-Sub Risoluzione massima: 2048×1536

DVI Risoluzione massima: 2560×1600

Interfacce aggiuntive:

D-Sub Output: Sì x 1 (via DVI a D-Sub adattatore x 1)

Uscita DVI: Sì x 2 (DVI-I)

Uscita HDMI: Sì x 1 (via HDMI a mini HDMI x 1)

Accessori:

2 x Cavo di alimentazione

1 x Mini-adattatore HDMI-HDMI

1 x DVI a D-Sub adattatore

Software: ASUS Utility e driver

Caratteristiche tecniche aggiuntive:

Super Alloy Power – E’ una tecnologia che utilizza una formula speciale di leghe per i componenti critici che si occupano dell’erogazione dell’alimentazione, questa scelta offre un incremento delle prestazioni del 15%, una temperatura in Idle al di sotto dei 35 ° C che si traduce in una durata 2,5 volte più maggiore.

DirectCU II – Basato sull’architettura ASUS DirectCU, che utilizza Heat-pipe in rame a diretto contatto con la GPU, per velocizzare la dissipazione del calore per ottenere temperature inferiori fino al 20%, sistema affiancato a due ventole da 100mm che aumentano del 600% il flusso d’aria.

Voltage Tweak – Tecnologia che consente di aumentare il voltaggio della scheda tramite Asus Smart Doctor con conseguente aumento della velocità di clock fino al 50%.

Splendid ™ Video Intelligence – Funzione atta all’ottimizzazione dei colori in diverse modalità, con cinque impostazioni pre-caricate: Standard, Game, scenario, scarsa illuminazione e Film.

Overclocking – Attraverso l’uso dell’utility di tweak della GPU è molto facile attraverso un cursore aumentare il clock del core della scheda video e della tensione della stessa. È facilmente raggiungibile la frequenza di 1000Mhz mantenendo una certa stabilità, tanto da permettermi di svolgere i benchmark senza problemi. Portandolo a 1200Mhz invece la scheda è incominciata a diventare instabile.

La nota positiva è che, anche con  valori “fuori scala” l’hardware non blocca tutto il sistema, ma solamente l’applicazione che sta gestendo (nel  nostro caso i benchmark) e auto-reimposta i valori di default dopo un blackscreen. L’utilizzo del software quindi presenta due vantaggi: il preservamento della scheda che in caso di crash viene reimpostata a valori funzionanti, e il tempo risparmiato a non dover riavviare il sistema per  settare  i valori manualmente.

RE5DX10 560 ingame LP2DX11 560 ingame Unigine 560

Benchmark:

Il sistema utilizzato per testare la scheda è formato da:

Processore: Intel I7 920@2.67

Scheda Madre: MSI X58

Ram: 12 GB DDR3 Corsair Dominator.

HDD: WD 500 GB Sata II

I benchmark utilizzati sono stati:

Resident Evil 5: risoluzione 1920×1080

Hawk 2: risoluzione 1920×1080

Lost Planet 2: risoluzione 1920×1080 tutti i dettagli su Alto e caratteristiche DX 11 abilitate e impostate su alto.

Unigine risoluzione 1920×1080 fullscreen shader: Alto, Texture: Alto, Filtro: Trilineare, Anisotropico: 4x, Occlusion, Refraction e Volumetric: Abilitate, Tasselation: Normale.

La scheda supera a testa alta tutti i benchmark in DX10, senza problemi anche per quanto riguarda Hawk2 in DX11, l’unico passo falso è stato su lost planet 2, almeno nella configurazione di default ottenendo un punteggio pari a B e una media FPS di 49,00. Questo valore non è da mal interpretare il gioco gira fluidamente, senza alcuno scatto, ma nelle scene più concitate soprattutto nella seconda scena, si percepiscono  cali di prestazione.

A seguito di questo risultato, utilizzando l’utility di OC, ho portato il clock della scheda a 1000Mhz e quello delle memorie a 1400Mhz e ho rilanciato il benchmark, ottenendo un punteggio pari ad A e media frame di 74,1 FPS, un incremento notevole.

Ultimo test effettuato con Unigine, un benchmark davvero impegnativo per le schede video, la scheda si comporta bene anche in questo caso.

Analogalmente a Lost Planet2 ho eseguito il test 2 volte, la prima con i parametri di fabbrica ottenendo una media FPS di 39.4, un punteggio di 991 punti e il range di FPS con un Minimo registrato a 8.2 FPS e un massimo a 89.8.

Il secondo test, con la scheda in OC, ottiene una media FPS di 40.1, punteggio pari a 1011, e un range di FPS da un minimo di 27.4 a un massimo di 98.6, da notare come i frame minimi registrati siano triplicati rispetto alle impostazioni di default.

LP2DX11 560oc  LP2DX11 560 standard

Valutazione

La scheda overclockata di fabbrica a 900Mhz, può essere tranquillamente portata a 1000Mhz semplicemente utilizzando l’utility a corredo della scheda aumentando, e non di poco, le prestazioni della stessa.

La buona qualità costruttiva, la scheda, dei suoi componenti, e la silenziosità fanno della 560ti DC II un buon prodotto se cerchiamo prestazioni senza dover dare fondo a tutti i nostri risparmi.

Di contro il prezzo che ricordiamo essere in media intorno ai 210€ non è propriamente competitivo, perché con poche decine di euro in più si può acquistare una 570, che ha delle prestazioni superiori che comunque non riescono ad essere eguagliate dalla 560Ti nonostante l’overclock manuale.

Voto 7/10

pubblicato su eurogamer.it

 

Rispondi