Review Mouse ROCCAT Kone, personalizzazione a 360° per la testa di serie Tedesca

Le caratteristiche tecniche sono da periferica di altissimo livello con sensore a 6000DPI, tasti programmabili, memoria onboard, più una serie di funzionalità aggiuntive molto interessanti che analizzeremo nel dettaglio.

Scheda Tecnica:

Dimensioni 135 x 78 mm
Peso 126 gr (pesi esclusi)
Sensore Laser Pro AIM R2
DPI Sensore 6000 DPI
Velocità tracciamento e accelerazione 11750fps – 10,5 Mpx, 20g
Tempo di risposta dei comandi (Pooling Rate) 1ms a 1000 Hz
Memoria Onboard 576Kb
Pulsanti programmabili 8 (16 utilizzando Easy Shift)
Personalizzazioni DPI, Illuminazione, peso (fino a 20gr a step di 5gr)
Illuminazione 38 combinazioni
Collegamento USB
Lunghezza Cavo USB 2 mt
Sistemi operativi supportati Windows: XP, Vista, 7; Mac: OS X e superiori
Contenuto della confezione Mouse, 4 pesi da 5 gr, Istruzioni, Disco Driver

 

Fin dal packaging possiamo notare la cura riposta da ROCCAT per cercare di offrire al consumatore un prodotto di qualità, la confezione è esteticamente semplice con tutte le caratteristiche poste ai lati della finestra che fa intravedere il mouse, l’apertura a libro con chiusura attraverso un magnete ci permette di sollevare la parte frontale per visualizzarlo da vicino. Sul retro le specifiche tecniche nel dettaglio in diverse lingue.

Una volta aperta la confezione al suo interno troviamo una cartella nera contenente il software di installazione più la ROCCAT ID che ci consente di registrarci sul sito per entrare a far parte della community degli utilizzatori dei prodotti della società tedesca, dove è possibile reperire software aggiornato e partecipare al forum.
Apriamo anche una piccola scatolina in plastica, al suo interno quattro cilindri da 5gr ciascuno, che potremmo andare a inserire nel mouse per regolarne il suo peso.

Kone_10

Il mouse dalla forma ergonomica è pensato per l’utilizzo con la mano destra, anche se i mancini, privandosi dei due tasti posti laterlamente, non troveranno scomodo utilizzarlo ugualmente.
Completamente in plastica morbida, piacevole al tatto, con logo di ROCCAT argento stampato sulla parte inferiore del mouse, è atraversato da due sezioni verticali in plastica nera lucida con all’interno quattro LED personalizzabili in 33 colori attraverso l’utlity di configurazione.

I tasti di forma squadrata sono facilmente raggiungibili durante l’uso del mouse, uno di questi, forse il meno comodo per chi ha la dita corte, è posto poco sopra la rotella di scorrimento, mentre sotto ne possiamo trovare altri due. Come detto prima sul lato sinistro troviamo infine due pulsanti.

La rotella di scorrimento è rivestita in gomma zigrinata che la rende molto comoda da controllare, piccola pecca la sua rumorosità in fase di rotazione, supporta ovviamente la pressione (personalizzabile) così come i movimenti laterali (anch’essi configurabili).

Nella parte inferiore del mouse troviamo il sensore Pro AIM R2 da 6000 DPI, che risulta essere molto accurato nella rilevazione del movimento, praticamente invisibile di una leggera colorazione rossa. Gli spostamenti sono rilevati fino a 1 cm rispetto alla superficie. Sempre sul fondo è presente un’apertura a rotazione, al suo interno quattro fori dove posizionare i pesi che troviamo nella confezione, così da aumentare fino a 20gr il peso della periferica.

L’installazione del software è davvero semplice, una volta completata basta inserire il mouse in una delle porte USB libere del nostro PC che verremo notificati nel caso fosse necessario aggiornare il Firmware interno della periferica, altrimenti verrà aperta la  schermata di configurazione. Da notare che il software è completamente in inglese ma, posizionandoci sulla funzione della quale abbiamo bisogno di aiuto, i suggerimenti testuali saranno nella nostra lingua.

Come in tutti i software di ROCCAT la personalizzazione è molto avanzata. Nel Main Control, avremo la possibilità di creare fino a cinque profili, ogniuno dei quali può essere assegnato automaticamente a tre applicazioni, l’utility avrà la premura di swappare profilo in automatico nel caso avviassimo l’eseguibile impostato. In ogni caso è possibile passare da un profilo ad un altro direttamente dal mouse anche in game.

Advanced Control Button Assignment Calibrazione0

In questa finestra è inoltre possibile andare ad agire sulla configurazione della sensibiltà del cursore, la velocità di scroll e di Tilt della rotellina e impostare 5 livelli fra i 100 e i 6000 DPI così da poterli modificare direttamente con la pressione di un tasto.

La seconda TAB, Button Assignment, ci permette di impostare il comportamento di tutti i pulsanti del mouse, l’operazione può essere effettuata due volte: assegnando nella prima configurazione la funzione Easy Shift a uno dei tasti del mouse, la pressione di questo in contemporanea con un altro consentirà di avere una seconda funzione per tutti gli altri.

A chi non fosse sufficiente avere 24 funzioni, è disponibile la sezione dedicata alla macro, dove sarà possibile registrare una serie di comandi, compreso il ritardo di esecuzione fra uno e l’altro, e quindi assegnarla alla pressione di un tasto.

La terza TAB è quella dedicata alla personalizzazione dei colori, dove è possibile impostare per ogni profilo i colori dei quattro led scegliendoli fra i 33 colori a disposizione, in aggiunta 10 effetti visivi applicabili, alcuni esempi? LED con illuminazione fissa, “sospiranti”, sfumatura verticale o orizzontale. Divertitevi a provarli tutti.

Color Control

Infine troviamo la TAB per gli utenti esperti, per apportare le modifiche avanzate, è possibile modificare la sensibilità degli assi X e Y separatamente, di abilitare o meno un avviso sonoro per i cambi di profilo o cambio di DPI, funzionalità utile in game per non staccare lo sguardo dallo schermo per controllare il profilo selezionato.

Un po’ nascosta ma fondamentale è la calibrazione del mouse, da effettuare ad ogni cambio di mouse pad, una procedura guidata ci chiederà di posizionare il mouse sulla superficie da analizzare e di non muovere il mouse fino al termine. Il gioco è fatto.

La prova sul campo non fa che confermare l’hype generato da tutta la personalizzazione offertaci da ROCCAT, negli FPS come battlefield 3 è possibile passare da una elevata sensibilità per l’utilizzo di una classe di fanteria, a una meno sensibile ma più controllabile per le sessioni da tiratore direttamente in game con la pressione di un tasto, inoltre la gestione attraverso l’uso dell’easy shift ci permette di impostare sul mouse quasi tutti i comandi che solitamente sono da effettuare da tastiera, lasciando a quest’ultima il compito di movimento e qualche altra funzione secondaria (visualizzare il punteggio, segnalare il nemico).

ROCCAT Kone [+] è definitivamente la testa di serie fra le periferiche della casa tedesca, la qualità dei materiali e dei sensori, la personalizzazione a 360° di praticamente qualunque aspetto del mouse tramite una utility pratica e semplice da utilizzare, la precisione e la reattività nel tracciamento del movimento e il prezzo di 65 € gli permettono di ottenere il Top Score

 

Voto 10/10

pubblicato su eurogamer.it

Rispondi